I viticoltori vibonesi si uniscono

di Redazione

Sotto la guida di Renato Marvasi, la neonata associazione che riunisce le aziende del territorio vibonese punta al riconoscimento dell’IGT Costa degli Dei.

Si è costituita a Vibo Valentia l’Associazione Viticoltori Vibonesi, posta a tutela di quei paesaggi che nel 1526 incantarono il dotto domenicano Leandro Alberti. Il merito è di sette aziende del territorio desiderose di interpretare bisogni, aspirazioni ed esigenze dei viticoltori vibonesi, partendo dalla registrazione a livello comunitario della IGT ‘Costa degli Dei’.

Ci stiamo confrontando sulle gravi ripercussioni causate dall’epidemia di coronavirus – spiega il Neopresidente Renato Marvasi -. Abbiamo messo a fuoco una serie di azioni che reputiamo necessarie e i sostegni che ci aspettiamo dalle istituzioni, Regione Calabria in primis, per consentirci di traghettare le nostre aziende fuori dalla crisi e per programmare il rilancio per quando l’emergenza sarà superata. Non vogliamo certo subire passivamente il probabile collasso del settore turistico – sostiene ancora Marvasi -. Ecco perché lavoriamo anche per ottenere la registrazione a livello comunitario della IGT ‘Costa degli Dei’ per i vini prodotti nei comuni ricadenti nel territorio sostanzialmente coincidente con il litorale della provincia vibonese, da Pizzo a Nicotera ed aree limitrofe, contribuendo all’adozione del disciplinare di produzione nel rispetto della tradizione del territorio, sia in relazione ai vitigni, favorendo quelli autoctoni e regionali, che alla tipicità della produzione”.