Cotarella spinge per la riapertura dei ristoranti

di Redazione

Secondo Assoenologi posticipare ulteriormente l’apertura dei locali metterebbe a rischio la sopravvivenza del settore.

La decisione del Governo di fissare l’apertura di ristoranti ed enoteche al 1 giugno ha soffocato le speranze di ripresa del settore, gravemente colpito dalle misure di contenimento della pandemia. Tra le tante voci che si sono levate a tutela degli operatori della ristorazione c’è anche quella di Riccardo Cotarella, Presidente Assoenologi, preoccupato per le ripercussioni che questa chiusura prolungata avrà sul comparto enologico, il cui futuro è strettamente legato a quello del canale Horeca.

Pur evitando di entrare nel merito delle scelte fin qui assunte, Cotarella non si sottrae dall’esprimere tutto il timore per le possibili ripercussioni che questa scelta avrà sul settore ristorativo, invitando pertanto il Presidente del Consiglio ad “aprire una eventuale nuova riflessione così da agevolare il ritorno alla piena attività della ristorazione, seppur con tutte le dovute e necessarie misure anti-contagio”.