Ruenza Santandrea nuovo presidente del Consorzio Romagna

di Redazione

Il rinnovo delle cariche dell’ente romagnolo porta l’ex Presidente di Cevico sulla poltrona occupata negli ultimi 12 anni da Giordano Zinzani.

Il nuovo CdA del Consorzio Vini di Romagna ha nominato Ruenza Santandrea Presidente per il triennio 2020-2022. Figura di spicco del mondo vitivinicolo romagnolo e nazionale, la Santandrea subentra a Giordano Zinzani, che lascia dopo quattro mandati triennali consecutivi.

Faentina, classe 1954, Ruenza Santandrea è stata già Presidente del Gruppo Cevico dal 2005 al 2017, e responsabile del settore vino nazionale di Alleanza delle Cooperative. Ha inoltre partecipato al gruppo dei cinque esperti voluto dal Mipaaf per realizzare il padiglione vino di Expo Milano 2015. Dopo aver lasciato Cevico è diventata Presidente di Bolè srl, società nata per produrre e lanciare lo spumante ottenuto da Romagna Trebbiano DOC.

Consapevole di andare a ricoprire questo importante ruolo in un momento storico decisamente complicato per il vino romagnolo, e non solo, spero nell’impegno di tutti per dare nuovo slancio al nostro settore – dichiara la Presidente – Tutti possono fornire il proprio contributo e assieme dobbiamo iniziare a ragionare, da subito, su quali azioni e quali strategie mettere in campo per promuovere i nostri vini, figli di un territorio ricco di cultura, tradizioni, gastronomia. Ringrazio quindi per la fiducia espressa dal CdA nei miei confronti e adesso al lavoro, uniti e compatti. Solo così – conclude la Presidente – riusciremo a valorizzare i nostri prodotti, ben oltre il Covid-19”.