Barbieri a Bellanova: La filiera produttiva non va lasciata sola

di Redazione

Accorato appello del presidente di Torrevilla affinché le istituzioni non dimentichino la filiera vitivinicola, schiacciata dal peso di una pandemia che ha contratto i consumi di vino.

Nell’ampio dibattito che coinvolge gli operatori economici circa le misure che il Governo prenderà per contrastare il diffondersi della pandemia interviene anche Massimo Barbieri, presidente di Torrevilla, cantina cooperativa da 114 anni presente nella filiera dell’Oltrepò e che oggi raccoglie 250 aziende e 700 ettari vitati.

In una lettera aperta al ministro Teresa Bellanova, Barbieri invita a non dimenticarsi che i recenti decreti finiranno per colpire anche le migliaia di aziende vitivinicole italiane, spesso familiari, e di conseguenza i relativi territori “La filiera produttiva non va lasciata sola. Siamo consapevoli che vadano adottate importanti misure per far fronte a questa crisi, ma a rimetterci non può essere tutto il sistema vino – afferma Barbieri nella missiva indirizzata al ministro – Tutte quelle aziende che, durante la prima ondata, si sono fatte carico delle spese, a fronte di un contributo insufficiente, sostenendosi con spalle robuste e voglia di fare. Aziende che non potranno reggere in queste condizioni per tutto un inverno. Aziende che chiuderanno. Aziende che hanno bisogno non di più attenzione, ma dell’attenzione che meritano. Il Governo – conclude Barbieri – non deve dimenticare la sofferenza di quelle che restano in piedi”.

Di seguito il testo integrale della lettera:

Egr. Ministra Teresa Bellanova,

Mi rivolgo a Lei da imprenditore, da Presidente di un’Associazione di Viticoltori che conta 250 soci, da uomo del vino, ma soprattutto da italiano, impegnato con costanza e determinazione nella valorizzazione della sua terra e del Made in Italy, segno distintivo di qualità in tutto il mondo.

Mi rivolgo a Lei, perché è Lei a rappresentarci, perché è Lei che può concretamente agire per arginare una situazione preoccupante, destinata solo che a peggiorare dopo i provvedimenti contenuti nell’ultimo Dpcm firmato dal Governo ed esposto al Paese dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Una serie di misure che colpiscono a primo sguardo soltanto ristoranti e bar, ma che nella realtà penalizzano l’attività di migliaia di aziende, delle loro persone e di tutto l’indotto che generano nei territori in cui operano. Un’attività che è cuore pulsante del sistema Italia: piccole, medie e grandi realtà che contribuiscono in modo importante al nostro Pil.

Associazione come la nostra, Torrevilla in Oltrepò Pavese, che si impegna da 114 anni quotidianamente a tutelare l’attività di 250 produttori e che, lavorando in oltre 700 ettari di terreno in 9 Comuni lombardi, ha un notevole impatto sull’economia di tutto il territorio.

Aziende che ora si rivolgono a Lei, Ministra Bellanova, perché è giusto che tramite Lei tutta l’Italia ascolti questo grido d’allarme: la filiera produttiva non va lasciata sola. Abbandonarla significa ignorare quanto una realtà produttiva con i suoi fatturati sia in grado di portare ricchezza anche al territorio in cui opera. I soci di Torrevilla a causa della pandemia hanno ricevuto dividendi inferiori rispetto a quanto preventivato e ciò ha causato loro un grave danno economico considerato che già stavano lavorando al limite dei costi di produzione. Le conseguenze, a cascata, hanno colpito e stanno ancora colpendo tutto il territorio dell’Oltrepò Pavese. E, come noi, migliaia di aziende in Italia si trovano nella medesima situazione. Siamo già sopravvissuti a un primo duro colpo, Ministra: non lasciamo che un altro, più pesante, rischi di essere quello “di grazia”.

Ecco perché io, uomo del vino, mi rivolgo a Lei, parlandole di tutte quelle aziende che vedranno le loro bottiglie sacrificate, chiuse nelle cantine di bar e ristoranti o abbandonate sugli scaffali dei supermercati. Siamo consapevoli vadano adottate importanti misure per far fronte a questa crisi, ma a rimetterci non può essere tutto il sistema vino.

Tutte quelle aziende che, durante la prima ondata, si sono fatte carico delle spese – a fronte di un contributo insufficiente – sostenendosi con spalle robuste e voglia di fare. Aziende che non potranno reggere in queste condizioni per tutto un inverno. Aziende che chiuderanno. Aziende che hanno bisogno non di più attenzione, ma dell’attenzione che meritano.

Torrevilla è una di queste realtà di cui io sono presidente. È con la voce dei viticoltori che rappresento e con la loro preoccupazione che Le faccio appello, affinché ci sia dato maggiore spazio, lo spazio che meritiamo per il sistema che rappresentiamo, nelle decisioni del Governo. Un Governo che sa quanto vasto sia il contributo di realtà come la nostra al benessere e all’economia dei territori. Un Governo che non può non conoscere la portata delle scelte prese, le loro conseguenze – la chiusura di migliaia di aziende agricole, ad esempio. Un Governo che non deve dimenticare la sofferenza di quelle che restano in piedi.