Sul Ponte di Rialto va in scena la storia veneziana

di redazione

Sui fianchi del ponte simbolo della città lagunare un’animazione video racconterà la millenaria storia di Venezia, di cui nel 2021 ricorre il mille seicentesimo anno dalla fondazione.

In occasione delle imminenti festività natalizie, il Ponte di Rialto si trasforma nel palcoscenico perfetto dove proiettare alcuni dei momenti e dei protagonisti più simbolici della città lagunare. L’iniziativa, promossa dal Comune di Venezia con la partnership del Consorzio del Prosecco nell’ambito del progetto “Natale di Luce 2020”, prenderà avvio domani 5 dicembre e verrà ripetuta più volte ogni giorno, dall’imbrunire a tarda serata, sino alla vigilia di Capodanno.

La proiezione, che vedrà tra i suoi protagonisti personaggi del calibro di Vittore Carpaccio, Jacopo de’ Barbari, Antonio da Ponte, Vincenzo Scamozzi, Canaletto, sarà anche l’occasione utile per introdurre le celebrazioni per il mille seicentesimo anniversario della fondazione di Venezia che ricorre il 25 marzo 2021.

Tradizione e innovazione sono le parole chiave di Venezia, tanto più per questo Natale 2020 – commenta il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaroil gioco di proiezioni e dissolvenze che illumineranno il Ponte di Rialto vanno proprio in questa direzione. La Città, nonostante i mesi bui che sta affrontando, vuole ripartire e l’avvio, anche attraverso questa installazione, delle celebrazioni per i suoi 1600 anni, dimostra la sua forza resiliente. Per questo vedere uno dei simboli della città diventare protagonista di questo Natale rappresenta un importante omaggio alla storia di tutti i veneziani. Immagini che sicuramente faranno il giro del mondo per raccontare una città che continua a vivere e sarà pronta ad accogliere nuovi visitatori“.

“Insieme alla vocazione all’internazionalità, qualità indiscussa di Venezia – osserva il presidente del Consorzio Prosecco Stefano Zanetteci sentiamo accomunati a questa meravigliosa città per gli stessi valori condivisi dal sindaco Brugnaro: rispetto della tradizione e tendenza all’innovazione sono peculiarità che appartengono al DNA del Prosecco, prova ne sia la recente decisione di portare nel mondo il Prosecco Rosé, connubio perfetto di storia e modernità. Il successo che questo prodotto sta conseguendo nel mondo, ci gratifica ma non ci fa scordare le molte realtà che in questo momento vivono situazioni di disagio. A loro va il nostro pensiero unito a un sentimento di solidarietà che vorremmo suggellare con un brindisi ideale di buon auspicio fatto proprio dal Ponte di Rialto”.