Al via la quarta edizione del Concorso Vini Territorio

di redazione

Il 13 e 14 maggio alla Fondazione Edmund Mach si sfideranno 150 etichette rappresentative delle denominazioni trentine e altoatesine.

Due giorni di degustazioni, più di 70 cantine provenienti da tutta la regione, oltre 150 etichette in gara, 5 tipologie di vino suddivise in 9 categorie: sono i numeri della quarta edizione del concorso sui vini del territorio organizzato dalla Fondazione Edmund Mach, che terrà il 13 e 14 maggio a San Michele all’Adige. La manifestazione, autorizzata dal Mipaaf come concorso ufficiale, è promossa e organizzata dal Centro Istruzione e Formazione FEM con il patrocinio dei comuni della Piana Rotaliana: San Michele all’Adige, Mezzolombardo e Mezzocorona e conta sul supporto delle due sezioni Assoenologi Trentino ed Alto Adige.

Il quarto concorso si presenta come opportunità per valorizzare e promuovere la qualità dei vini proposti nella scorsa edizione e non svolta: Teroldego Rotaliano Dop, Trentino Dop Merlot, Trentino Dop Traminer aromatico, Alto Adige Südtirol Dop Merlot, Alto Adige Südtirol Dop Gewürztraminer a cui si aggiungono le categorie Trentino Dop, Vigneti delle Dolomiti Igp e Vallagarina Igp Nosiola e Alto Adige Südtirol Dop Sylvaner con le relative sottozone Valle Isarco e Terlano.
L’apertura del concorso, ormai consolidato nel calendario eventi della Fondazione, è prevista giovedì 13 maggio, alle ore 9, presso la sala Versini del Palazzo della Ricerca e Conoscenza con il saluto del presidente, Mirco Maria Franco Cattani. I prodotti delle due province saranno giudicati da commissioni composte da 30 esperti tra enologi, enotecnici, sommelier e giornalisti del settore provenienti da tutta Italia.

Il concorso -spiega il prof. Andrea Panichi, coordinatore del Dipartimento istruzione post secondaria, e organizzatore dell’evento- si propone anche come opportunità didattica per gli studenti del Corso Enotecnico per approfondire la conoscenza dei vini prodotti nel territorio Trentino – Alto Adige/Südtirol e con le aziende produttrici. Gli studenti potranno osservare come gli esperti del settore enologico valutano i vini e a loro volta essere guidati nelle degustazioni al fine di acquisire una corretta metodica di attribuzione di un valore ai vini del territorio“.