Vittorio Cino nuovo direttore generale di Federvini

di Carlo Spagnolo

Al cinquantaduenne manager toscano il compito dirigere il nuovo corso della Federazione oggi guidata da Micaela Pallini.

Con la nomina di Vittorio Cino a direttore generale si conclude il processo di rinnovamento delle cariche di Federvini, che, di recente, ha visto l’ascesa di Micaela Pallini al ruolo di presidente. 52 anni, laureato in Relazioni Internazionali all’Università di Firenze, Cino ha presieduto il Comitato Public Affairs dell’American Chamber of Commerce in Italia ed è Adjunct Professor alla Luiss Business School di Roma e docente in Strategic Communication allo IULM di Milano.

Tra i suoi precedenti incarichi annovera quello di direttore government relations Europa centrale ed orientale e EU affairs director di The Coca-Cola Company, nonché di responsabile delle relazioni esterne in Italia del gruppo britannico BG (già British Gas) e vicedirettore della stessa Federvini dal 2004 al 2006, dove ha rappresentato il mondo del vino e degli spiriti in Italia e a Bruxelles. Ha inoltre lavorato per società di consulenza e agenzie di comunicazione di rilievo nazionale e internazionale (FB Associati, Weber Shandwick).