Il Bio si avvicina a quota 2 milioni di ettari

di redazione

I dati Assocertbio confermano la capacità del settore biologico di crescere anche nel corso della pandemia.

L’universo Bio si mostra più forte della pandemia e nel 2020 fa registrare una piccola ma significativa crescita. A sostenerlo l’Osservatorio Dati di Assocertbio durante il webinar “Operatori e superfici: i trend del biologico italiano” organizzato da Veronafiere nell’ambito di B/Open. Stando al suo report nel corso del 2020 il numero di operatori certificati è cresciuto dell’1,57% arrivando a 81.913 unità, contro le 80.643 unità del 2019. Buone notizie anche per quanto riguarda le SAU (Superfici Agricole Utili) certificate, che progrediscono dello 0,80% e raggiungono i 1.994.904 ettari, contro i 1.993.236 dell’anno precedente.

Crescita che sembra confermata anche nei primi cinque mesi dell’anno in corso, dove i dati evidenziano una crescita limitata ma presente, in linea con l’andamento 2020. Le stime di Assocertbio relative agli operatori certificati associati sembrano indicare infatti una crescita di +1.431 unità, (+1,84%), mentre sul fronte delle superfici la crescita è del +0,37%, pari a 6.968 ettari.