Le morbidezze del microclima gardesano de La Presa

di Lucia Immacolata Migliaccio

Degustazione di due etichette della tenuta alle pendici del Monte Baldo.

Alle pendici di Monte Baldo, una delle tre storiche sottozone del Bardolino DOC, insieme a La Rocca e Sommacampagna (riconosciute dal nuovo disciplinare di produzione ad aprile 2021) sorge Tenuta La Presa, azienda agricola che la famiglia Dei Micheli gestisce da due generazioni.

Il podere, che attualmente può contare su 120 ettari di coltivati a vigneto fra Rivoli e Caprino Veronese, contiene un’antica dimora del 1400, che ospita l’agriturismo con 14 camere, e due cantine dedicate alla vinificazione e l’affinamento. Il microclima locale è mitigato dal Benaco e dal Monte Baldo che funge da barriera protettiva con venti freschi che scendono dalla Val d’Adige: caratteristiche che garantiscono alle uve di esprimere al meglio le loro potenzialità. Tenuta La Presa firma 6 etichette ed in particolare, sceglie per l’estate 2021 due vini ambasciatori dell’azienda: Chiaretto di Bardolino e Bardolino, interpretazioni piacevoli e gentili delle uve gardesane.

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Chiaretto di Bardolino DOC 2020

Uvaggio: Corvina 70%, Rondinella 20%, 10% di Molinara e Sangiovese. 13% vol.
Vinificazione: acciaio
Andamento climatico: favorevole alla tipologia, caratterizzata da importanti perturbazioni che hanno consentito escursioni termiche delle uve in fase di maturazione

Dai vigneti di Corvina, Rondinella, Molinara e Sangiovese sulle colline gardesane, nasce il Chiaretto, in perfetto stile provenzale: luminoso rosa antico e naso ricco di frutti rossi ma anche di sentori agrumati. Il sorso è fresco, floreale, di rose e cumino, con evidente e persistente sapidità che conferisce una intrigante spinta verticale.
Grande piacevolezza di beva ed una complessità quasi inaspettata, sinonimo proprio della combinazione tra i quattro vitigni. Dalle tante sfaccettature, adatto a numerose situazioni di consumo.

Bardolino DOC 2020

Uvaggio: Corvina 70%, Rondinella 20% e 10% di Molinara e Sangiovese, 13% vol.
Vinificazione: acciaio
Andamento climatico: favorevole alla tipologia caratterizzata da importanti perturbazioni che hanno consentito escursioni termiche delle uve in fase di maturazione.

Rosso rubino luminoso, il ventaglio olfattivo propone profumi di fragoline di bosco, marasca e leggero balsamico. Piacevolmente tannico. Interessante ma non amplia la complessità, è un vino che “funziona” per bene, con un sorso agile e dinamico.

Consigliati