L’Etna Doc supera la crisi pandemica

di redazione

Cresce del 19% nel primo semestre 2021 il numero di ettolitri imbottigliati rispetto allo stesso periodo del 2020. Si guarda con fiducia anche alla ripresa dell’export e del turismo durante la stagione estiva.

Alle pendici dell’Etna si guarda con ottimismo al futuro, grazie a dei volumi imbottigliati che, nel primo semestre 2021, certificano il superamento della contrazione pandemica. Stando, infatti, alle informazioni diffuse dal Consorzio di tutela, nel primo semestre di quest’anno gli ettolitri di Etna Doc imbottigliati sono stati 18.693, pari a un +19% rispetto allo stesso periodo 2020 e che coincidono, di fatto, con quelli del primo semestre 2019.

“Sono segnali molto incoraggianti, che certificano una inequivocabile ripartenza da parte del vino etneo – commenta Antonio Benanti, presidente del Consorzio – La riapertura ormai pressoché totale del canale Horeca, che rappresenta il principale punto di riferimento per i vini Etna Doc, ha consentito di riprendere a pieno ritmo l’imbottigliamento di un po’ tutte le tipologie della nostra denominazione. L’export, inoltre, che per l’Etna Doc rappresenta in media il 60%, in particolare verso Paesi come gli USA sta dando segnali molto positivi”.

Una ripartenza che conferma la vivacità e l’interesse che da anni circonda i vini del comprensorio etneo e che anche la pandemia, nonostante le grandi difficoltà che le aziende del territorio hanno dovuto affrontare, non ha mai contratto in modo preoccupante. “Nel 2020 sono state 4 milioni le bottiglie di Etna Doc, con una diminuzione solo dell’8% – spiega Maurizio Lunetta, direttore del Consorzio – La fiducia nei confronti del vino etneo non è quindi mai mancata: sempre lo scorso anno, infatti, è aumentato sia il numero dei viticoltori, saliti a 383, che quello degli imbottigliatori, giunto a 144 unità”.

La ripresa del turismo, infine, è un altro fattore nei confronti del quale si guarda con grande fiducia per la definitiva ripartenza del comparto. “La Sicilia, secondo le più recenti stime, dovrebbe registrare nel 2021 un incremento di visitatori a doppia cifra e questo potrà fare da ulteriore volano alla produzione delle nostre aziende – conclude il presidente Antonio Benanti –. Le cantine etnee sono sempre più attrezzate per offrire esperienze enogastronomiche di ottimo livello ai turisti del vino e l’Etna è una delle mete sempre più amate da tutti coloro che decidono di trascorrere un periodo di vacanza e relax sulla nostra isola”.

Consigliati