Vinehoo, Piemonte e Toscana al top degli acquisti in Cina

di redazione

L’e-commerce attivo nel paese asiatico rivela preferenze e criticità dei vini italiani agli occhi dei consumatori cinesi.

Alta acidità, tannino marcato, molto astringente in bocca: queste le caratteristiche che, nel contraddistinguere il vino italiano, ostacolano una sua penetrazione sul mercato cinese, ferma al 10% dei volumi importati, che gli preferisce vini più dolci e amabili, come quelli provenienti dai mercati cileno e americano, o blasonati, come i francesi. A dirlo è una analisi di Vinehoo, il portale di vendita di vino tra i più utilizzati in Cina, che mette in evidenza alcune delle principali lacune che stanno facendo ritardare l’exploit atteso del vino tricolore in questo importante mercato.

Oltre a questo uno dei problemi maggiormente riscontrati è anche l’identità del vino italiano tra troppe denominazioni e varietà di vitigno, che naturalmente generano grandi differenze di stile e di riconoscibilità del vino per il consumatore cinese – spiega Eva Xia, responsabile acquisti del gruppo Vinehoo – ma nonostante tutto in questo momento questi possono anche diventare i fattori di successo per il vino italiano in Cina, serve solo un lavoro continuativo da parte di aziende e consorzi per poter educare il consumatore cinese a questa cultura e alle diversità”.

L’analisi degli acquisti di vino italiano effettuati sul portale, pari a quota del 19,65% del totale (gennaio – giugno 2021), rivela che Piemonte e Toscana sono le due regioni più popolari in Cina e i vini a base nebbiolo e sangiovese i più acquistati e conosciuti. In questo caso il prezzo alto denota qualità e blasone mettendoli al piano dei vini francesi e americani. Inoltre, dal 2020 c’è stata una maggiore attenzione verso vini siciliani, Etna in primis, alto atesini e friulani. Il Prosecco, vista la sua amabilità al palato, potrebbe avere un enorme potenziale che ancora non sfrutta, così come i vini naturali, ancora un mercato vergine per i consumatori locali che si stanno appassionando adesso a queste dinamiche produttive.