Dal vino ai fiori, la seconda vita delle cassette Toblino

di redazione

Dai boschi distrutti una nuova idea per ridurre l’impatto del packaging sviluppata da Beelieve.

Si chiama Divinoinvaso il progetto con cui Cantina Toblino offre una seconda vita alle proprie cassette del vino di legno che, grazie ad appositi tiranti, potranno trasformarsi in vasi pensili per fiori, contribuendo così a diminuire l’impatto ambientale del packaging. Il progetto nasce in collaborazione con Beelieve, start-up trentina che produce oggetti di design con il legname proveniente dai boschi flagellati dalla tempesta Vaia nel 2018 e realizzati da giovani che vivono situazioni di temporanea difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro della cooperativa Progetto 92 di Trento.

Siamo orgogliosi di questa nuova iniziativa che ci vede collaborare ancora con i ragazzi di Beelieve e di Progetto 92 e che ha come fine ultimo la riciclabilità degli elementi – afferma Carlo De Biasi, direttore generale di Cantina Toblino – perché solo progettando a monte la circolarità di quel che si produce è possibile ridurre l’impatto ambientale. Dobbiamo sempre aver presente che abbiamo una grande responsabilità verso chi verrà dopo di noi perché ogni nostra azione lascia un segno”.