Brunello di Montalcino: +37% di imbottigliato. Le voci dei produttori su annata e progetti

di redazione

Tornano ai livelli del 2010 i volumi della denominazione ilcinese. Ecco le interviste di VinoNews24 ad alcuni produttori (in occasione di Benvenuto Brunello) che parlano di annata e nuovi progetti.

Sono quasi 11,4 milioni le bottiglie di Brunello di Montalcino immesse sul mercato nel corso del 2021, con un incremento del 37% rispetto al triennio precedente. Di queste oltre un milione (+108% sul 2020) sono di Riserva. Un balzo in avanti sostanziale, che porta la denominazione sui medesimi livelli del 2010, ultimo anno in cui si era superato il tetto delle 11 milioni di bottiglie sul mercato.

Distinguendo tra le due annate attualmente in commercio, i dati offerti da Valoritalia rivelano che, dell’annata 2015, nell’ultimo biennio sono state consegnate quasi 10,2 milioni di fascette di Stato, che scendono a 9,4 in riferimento alla 2016, di cui si attende l’immissione sul mercato della Riserva. “Si chiude un biennio d’oro per il mercato del nostro vino di punta, con incrementi rispettivamente del 12% e del 27%. Ora l’obiettivo è cementare il posizionamento conquistato”, il commento del presidente del Consorzio di tutela, Fabrizio Bindocci.

Ecco alcune voci di produttori montalcinesi raccolte da VinoNews24 in occasione di Benvenuto Brunello.

Bernardino Sani – Argiano

Enrico Viglierchio – Banfi

Gualtiero Ghezzi – Camigliano

Giacomo Neri – Casanova di Neri

Fattoria dei Barbi – Stefano Cinelli Colombini

Bianca Ferrini – Giodo

Luca Fanti – La Palazzetta

Riccardo Illy – Mastrojanni

Samuele Baroncini – Poggio al Castellare

Claudia Cataldo – Poggio Landi e Podere Brizio

Emilia Nardi – Tenute Silvio Nardi

Monica Tiezzi – Tiezzi

Consigliati