Il Montebaldo Bardolino Doc vale 4 milioni di euro

di redazione

Al via un progetto di valorizzazione dello storico distretto veronese, che conta già una produzione di 266mila bottiglie.

Con la firma di un accordo di sussidiarietà sottoscritto tra Consorzio del Bardolino e alcuni attori locali ha preso forma un progetto di promozione del distretto Montebaldo, che diventa così la prima, tra le tre storiche regioni bardolinesi tornate a nuova vita grazie al disciplinare entrato in vigore il 14 aprile 2021, a mettere in atto un percorso di sviluppo e valorizzazione della propria identità.

Crediamo che la cooperazione sia fondamentale – commenta Franco Cristoforetti, presidente del Consorzio – sia per la promozione dell’identità dei prodotti unici, come il nostro Montebaldo Bardolino, sia per la tutela del patrimonio naturalistico dell’area. Con l’accordo di sussidiarietà il cru Montebaldo ha di fatto aperto il percorso di valorizzazione che intendiamo presto perseguire anche per gli altri due distretti, La Rocca e Sommacampagna”. Suddivisione che trova conferma nella presenza, all’interno del Consorzio, di tre comitati di gestione distinti, uno per ciascuna zona, aventi lo scopo di promuovere le tre diverse identità di queste aree.

A livello produttivo sono 266mila le bottiglie di Montebaldo Bardolino Doc prodotte finora, con un prezzo medio che oscilla tra i 10 e i 20 euro, per un controvalore al dettaglio che si aggira sui 4 milioni di euro.

Consigliati