L’ispirazione bucolica di Villa Bogdano 1880

di Gian Omar Bison

Degustazione delle referenze dell’azienda di Lison Pramaggiore, nel Veneziano, rilevata nel 2016 da Domenico Veronese.

Storica azienda agricola e vitivinicola di Lison Pramaggiore, nel Veneziano, Tenuta Planitia è stata rilevata nel 2016 da Domenico Veronese, che ha scelto di uscire sul mercato con il brand Villa Bogdano 1880.

Certificata biologica dal 1993, la tenuta di 185 ettari a corpo unico tra i fiumi Lison e Loncon è riconosciuta come sito di conservazione della biodiversità natura dato che accoglie un bosco planiziale di 6 ettari, nel cui habitat staziona o transita una fauna varia. Tutti i suoli dei 106 ettari vitati sono di origine alluvionale e calcarea, ricoperti da uno strato spesso di argilla. E 18 ettari sono rappresentati da vigne storiche tra i 50 e i 100 anni di età. Il vigneto di interesse storico comprende 177 viti originali di tocai impiantate con il metodo del Cassone Padovano, oggetto di uno scrupoloso lavoro di recupero comprensivo del prelievo di polloni al fine di creare dei barbatelloni da reimpiantare preservando le caratteristiche genetiche originarie della pianta madre.

TENUTA AGRICOLA MULTIVARIETALE
L’azienda ha tutte le sembianze della vecchia tenuta agricola con villa padronale e casolari sparsi, compreso un vecchio monastero benedettino, molto diffusa nelle campagne venete. Fasce boschive, fauna e vegetazione in quantità.

Il corpo centrale, dove vengono accolti ospiti e clienti e dove si svolge la degustazione, è sapientemente restaurato. Notevole la torre, nuovissima, che svetta alta e imponente con tanto di sala congressi e degustazione che forse, nel tempo, diventerà anche un lounge bar o un ristorante.

I vini – che escono con etichetta Villa Bogdano 1880 – hanno nel lison e nel tocai friulano le varietà di riferimento, ma si trovano anche refosco dal peduncolo rosso, malvasia istriana e internazionali come lo chardonnay, pinot grigio e merlot.

Il vino per noi – spiega Lucio Tessari, enologo dell’azienda – deve riflettere l’identità del vitigno e del territorio. Niente forzature in fase di vinificazione né di affinamento. E per questo tendiamo a lavorare col vetrocemento. Diversamente, per vini che devono conoscere un’evoluzione più lunga e complessa, adoperiamo botti grandi (45 hl) di rovere di media tostatura che impreziosiscono gli aromi, non li coprono né li sviliscono”.

APPUNTI DI DEGUSTAZIONE
Il Vino di Villa Bogdano 1880 è un vino di territorio che associa la franchezza del varietale alla pulizia degli aromi.

Passando dall’assaggio dei varietali alle riserve, sorprende la capacità evolutiva del 185 tocai friulano 2018 e del 181 chardonnay 2018, tanto quanto la pienezza e la freschezza del 186 refosco dal peduncolo rosso Lison Pramaggiore riserva 2017 e l’avvolgenza e la struttura del 195 Rosso 2017 da uve merlot e cabernet sauvignon.

La sensazione è che il tempo faccia bene ai vini di Villa Bogdano 1880 più di quanto ci si possa aspettare. E che la produzione e la lavorazione, dagli impianti viticoli alla scelta dei vasi vinari siano ancora in fase di studio e sperimentazione, così come la linea produttiva e quindi i vitigni su cui puntare. In ogni caso la scelta di partire da una storia e una vocazione bucolica caratteristica di queste terre, da conoscere e da accompagnare, per costruire un progetto aziendale solido e proiettato al futuro è azzeccata ben oltre lo storytelling.

Prosecco Doc Brut Nature 2020
Frutto di una scelta netta, è uno spumante definito e riconoscibile nell’imprinting. Con 11,5% di titolo alcolometrico, ha un naso floreale che passa dal gelsomino al fiore di campo, agrume e pera. In bocca è fresco e secco, lungo quanto basta. Un vino versatile, da aperitivo a base di crudité di pesce e verdure pastellate fino al pesce grigliato, tonno appena scottato e salmone.

Lison Classico 2020 è come deve essere da queste parti: naso dove prevalgono note balsamiche e di erbe aromatiche, salvia su tutte. Il palato è fresco e sapido ammandorlato sul finale.

Pinot grigio 2020
Interessante, giallo paglierino, floreale e delicato al naso con aromi fruttati di pesca, melone e leggermente agrumato. Indicato con primi e zuppe di pesce ma anche carni bianche e formaggi freschi a pasta molle.

185 IGT Veneto tocai friulano 2018
Fa 18 mesi di affinamento in parte in barrique e in parte in vasche di vetro cemento e resta in bottiglia almeno tre mesi prima della mesa in commercio. Un giallo paglierino carico, quasi dorato. Un bouquet di profumi complesso con note floreali e di erbe aromatiche, balsamico, frutta matura a pasta gialla e tropicale, zenzero e spezie dolci come la vaniglia. Gusto pieno, avvolgente, di buona persistenza.

195 Rosso IGT Veneto 2017
Uvaggio di merlot e cabernet sauvignon, è l’ambasciatore rosso di Villa Bogdano. Un vino che fa 12 mesi di affinamento in vasche di vetrocemento, 18 mesi in botte grande di rovere francese e tre mesi in bottiglia prima della messa in commercio. Un bel rosso carico e consistente con profumi di mora e prugna, anche essicata, spezie dolci, cannella e noce moscata. Tannino delicato, fresco e sapido quanto basta per accompagnare una beva interessante che si sposa bene con carni rosse, salumi e formaggi stagionati.

Consigliati