Amarone Opera Prima, una inedita edizione estiva

di redazione

Oltre 100 giornalisti accreditati (soprattutto dall’estero) e 40 cantine presenti far degustare il millesimo 2017 del vino-icona della Valpolicella. Serata speciale all’Arena.

Oltre 100 giornalisti accreditati (soprattutto dall’estero) e 40 cantine pronte a stappare sulle note della marcia trionfale dell’Aida. È l’istantanea di Amarone Opera Prima, l’evento straordinario e fuori stagione – dato che il consueto appuntamento di febbraio è slittato per i rischi connessi al Covid – del Consorzio Vini Valpolicella in programma a Verona dal 17 al 20 giugno.

Un’occasione che il Consorzio definisce “speciale”, portando in scena anche il sodalizio tra i due simboli della città scaligera nel mondo: l’Arena e l’Amarone.

Il cartellone di Amarone Opera Prima si apre il 18 giugno con due masterclass a Palazzo Verità Poeta (Vicolo San Silvestro, 6), per scoprire la versatilità del grande Rosso e le annate migliori che hanno contribuito al suo posizionamento in oltre 80 nazioni del globo.

La giornata si chiude in Arena per assistere all’Aida di Giuseppe Verdi, l’opera simbolo dell’anfiteatro romano sotto le stelle fin dalla sua prima edizione nel 1913.

Domenica 19 giugno, Amarone Opera Prima si trasferisce al palazzo della Gran Guardia (piazza Bra), per la degustazione dell’Amarone 2017 e apertura dei banchi dalle 16 fino alle 20 anche per winelover e operatori, ma prima per la conferenza stampa sullo stato di salute della denominazione e il focus su “Amarone e i miti dell’ospitalità veneta, tra storia e leggenda” (dalle ore 11).

Lunedì 20 giugno, ultimo giorno di Amarone Opera Prima, la manifestazione è aperta a pubblico e operatori dalle 10 alle 20.

 

Consigliati