Montalcino, enoturismo a +36% nel 2022

di redazione

Per la città del Brunello di Montalcino, le presenze sono in crescita anche nel confronto pre-covid (+16%). E gli stranieri salgono dell’81%.

A Montalcino i dati legati al turismo sono di crescita verticale. Nel 2022, la città del Brunello e del Rosso di Montalcino ha chiuso a +36% rispetto a un 2021 già in forte ripresa, ma ha superato anche gli anni d’oro del triennio pre-covid (2017-2019) con un +16% e 210 mila presenze con pernottamento. Lo rileva, alla vigilia di Vinitaly, il Consorzio del vino Brunello di Montalcino che ha elaborato i dati provvisori dell’ufficio statistico della Regione Toscana.

Rispetto all’anno precedente, il ritorno alla normalità cosmopolita dei winelover di Montalcino lo si legge dai numeri: +81% gli stranieri sul 2021 (a 143 mila presenze, oltre i 2/3 del totale) e -12% gli italiani (67 mila) che nel periodo Covid avevano tenuto in piedi l’enoturismo ilcinese. Un ritorno al futuro tra le vigne del paesaggio Unesco della Val d’Orcia sia per le strutture alberghiere (+41%) che per agriturismi, relais in cantina, b&b (+34%).

Continua a leggere su ItalianWineTour.info

 

Consigliati