Da Les Gastronomes lo Champagne che valorizza le piccole realtà artigianali

di Antonio Tosi

Dall’idea di due amici gastronomi, nel 2023 è nato il progetto Les Gastronomes, brand che connette piccole realtà artigianali con gli amanti del buon vino e del buon cibo. E ora il primo Champagne autoprodotto.

Un ponte che collega le piccole realtà artigianali con gli amanti del buon cibo e del buon vino”: con queste parole Vittorio Cenci e Matteo Micotti, amici gastronomi ed ex colleghi di Scienze Gastronomiche all’Università di Pollenzo (Cn), sintetizzano il progetto Les Gastronomes, il brand a cui hanno dato vita nel 2023 con l’obiettivo di produrre vini di altissima qualità, realizzati con tecniche artigianali e distribuiti in piccoli lotti, in grado di valorizzare il terroir e i vitigni di appartenenza.

Un progetto che nasce dalla nostra passione per l’enogastronomia, con il desiderio di valorizzare le migliori eccellenze enogastronomiche” puntualizzano i fondatori.

La prima etichetta prodotta è lo Champagne Blanc de Noirs Brut Les Gastronomes, uno Champagne 100% Meunier, frutto di un unico territorio – quello di La Chapelle Monthodon, nella Valle della Marna -, diverse annate e un affinamento di 48 mesi.

E un’edizione limitata di 960 bottiglie numerate (messe in vendita a giugno e ormai quasi terminate).

Selezioniamo vini di piccole realtà artigianali che ci piace avere nella nostra cantina, cercando di trovare quei tesori nascosti, quei vini unici che meritano di essere conosciuti e apprezzati, bottiglie che esprimano l’essenza del territorio e delle persone che le producono – spiegano Cenci e MicottiVogliamo condividerli per creare momenti di convivialità, unendo più persone che coltivino la stessa passione e l’amore per l’autenticità. Lo Champagne Les gastronomes è prodotto a La Chapelle Monthodon, nella Valle della Marna, il terroir più famoso per il Meunier che compone questa Cuvèe. Suoli argillosi e calcarei, con forte presenza di marna, che offrono vini freschi e profumati, tra mineralità e sapidità. Dopo un anno di ricerche e diversi assaggi, abbiamo trovato questo 100% Meunier, a cui mancava solamente la nostra ‘firma’. Per questo abbiamo lavorato fianco a fianco con l’azienda per definire l’expedition, con alcuni vin de reserve dell’azienda, in modo da potergli dare quel tocco leggero di ossidazione che ricercavamo. Ed ecco il nostro primo Champagne”.

l’obiettivo di Les Gastronomes è di produrre vini di altissima qualità, realizzati con tecniche artigianali e distribuiti in piccoli lotti, in grado di valorizzare il terroir e i vitigni di appartenenza.

lo Champagne prodotto da Les Gastronomes

L’obiettivo è quello di diventare non solo un punto di incontro tra le piccole realtà artigianali e gli amanti del vino di qualità, ma anche di soddisfare le necessità B2B di avere prodotti validi con prezzi giusti per costruire una corretta catena del valore.

Dopo diversi anni nel marketing e sales da Tannico, la consulenza per aziende vitivinicole con Not Just Wine, diverso tempo investito in locali come Enoteca Naturale, Tokuyoshi (ora Bentoteca) e Champagne Socialist abbiamo pensato di portare un po’ di quello che ci piace sulle tavole di tutti – continuano i fondatori di Les GastronomesVolevamo creare un vino che rappresentasse i nostri ideali, cercando un po’ di scuotere le fondamenta della speculazione sullo Champagne in Italia per arrivare sul mercato con un prodotto accessibile a scaffale e nel calice. Un prodotto che riuscisse a bilanciare la marcata sapidità della Champagne, con un tocco di ossidazione ed un pétillant artigianale”.