Corinne Mentzelopoulos cede le redini di Château Margaux

di redazione

Corinne Mentzelopoulos, amministratore delegato per 43 anni della holding proprietaria di Château Margaux, va in pensione e lascia il timone al figlio Alexis Leven-Mentzelopoulos.

Corinne Mentzelopoulos, amministratore delegato per 43 anni della holding proprietaria della tenuta vinicola francese Château Margaux nella regione di Bordeaux, ha deciso  di andare in pensione e di cedere le redini al figlio Alexis Leven-Mentzelopoulos.

Sua figlia Alexandra Petit-Mentzelopoulos diventa invece presidente del consiglio di sorveglianza.

Alexis Leven-Mentzelopoulos e Alexandra Petit-Mentzelopoulos sono la terza generazione della famiglia Mentzelopoulos alla guida di Château Margaux.

Seguendo le orme di suo nonno, André Mentzelopoulos, sua madre Corinne e sua sorella Alexandra, Alexis Leven-Mentzelopoulos è entrato nella tenuta di famiglia all’inizio del 2020 come direttore dello sviluppo aziendale.

Negli ultimi due anni ha ricoperto il ruolo di vicedirettore generale responsabile della strategia e dello sviluppo.

Alexandra, invece, è vicedirettore generale responsabile della Comunicazione dal 2016.

Gli 82 ettari di vigneti di Château Margaux, tra i più prestigiosi e rinomati produttori di vino al mondo, sono pressoché gli stessi che lo chateau aveva nel 1855, quando fu classificato come Premier Grand Cru Classé.

Tre quarti dei vigneti si trovano su un terroir di ghiaia profonda, ideale per la coltivazione del Cabernet Sauvignon, con il restante su terreni di argilla e calcare ricoperti da un sottile strato ghiaioso.

Cuore dello chateau è il vigneto Puch Sea Peyre, un clos di 20 ettari che già 500 anni fa era famoso per la qualità dei propri vini.

Dal 2012 Chateau Margaux ha aumentato la percentuale di vigneti in agricoltura biologica e biodinamica; i vigneti sono coltivati al 75% con Cabernet Sauvignon, 20% Merlot, 5% Petit Verdot e 5% Cabernet Franc.

Gli 82 ettari di vigneti di , tra i più prestigiosi e rinomati produttori di vino al mondo, sono pressoché gli stessi che lo chateau aveva nel 1855, quando fu classificato come Premier Grand Cru Classé

Château Margaux in Francia