Riccardo Ricci Curbastro rieletto presidente di EFOW

di redazione

L’Assemblea generale dei membri dell’EFOW ha rieletto alla presidenza Riccardo Ricci Curbastro, produttore Franciacorta, presidente di Equalitas e past president di Federdoc.

Faremo sentire la nostra voce durante le principali tappe dell’UE del 2024 e ricorderemo a tutti il ruolo essenziale dei vini IG nel preservare il dinamismo economico, sociale, ambientale e culturale di molte regioni europee“.

Sono le prime parole di Riccardo Ricci Curbastro da presidente di EFOW (European Federation of Origin Wines), dopo essere stato rieletto dall’Assemblea generale dei membri in seguito alle dimissioni di Bernard Farges, produttore Bordeaux e presidente del CNIV.

Ricci Curbastro – produttore Franciacorta, presidente di Equalitas e past president di Federdoc – aveva ricoperto la carica di presidente dal momento della fondazione di EFOW nel 2003 e fino al 2016, ma torna ora sulla scena europea dopo il mandato di 7 anni di Bernard Farges. Avrà come vice e tesoriere Maxime Toubart, produttore di Champagne, copresidente del CIVC e vicepresidente del CNAOC.

Anche Gilberto Igrejas, presidente dell’IVDP, e David Palacios Algarra, viticoltore della Navarra e presidente del CECRV, sono stati rieletti vicepresidenti.

Vorrei esprimere la mia sincera gratitudine al mio collega e amico Bernard Farges per tutto il lavoro svolto negli ultimi 7 anni a livello europeo – dichiara il neopresidenteHa guidato le nostre denominazioni attraverso crisi importanti, come la tassa Trump e la crisi del Covid 19, oltre a vincere importanti battaglie durante la riforma della PAC post-2022 e la riforma delle Indicazioni Geografiche. Sono onorato di essere stato rieletto dai miei colleghi e di tornare alla presidenza di EFOW, un’organizzazione che ha lasciato il segno e che conta nei dibattiti sul futuro della viticoltura a livello europeo“.

Consapevole delle problematiche del settore, aggiunge: “le denominazioni vinicole si trovano oggi ad affrontare molte sfide, come il calo dei consumi, lo status dei nostri prodotti nella società e la sostenibilità. In qualità di presidente dell’EFOW, la mia ambizione è quella di portare avanti e rafforzare il lavoro svolto in questi ambiti, e in particolare di esaminare gli strumenti di cui il nostro settore ha bisogno per continuare a offrire prodotti di qualità ai consumatori. Faremo sentire la nostra voce durante le principali tappe dell’Ue del 2024 e ricorderemo a tutti il ruolo essenziale che i nostri vini a denominazione e i nostri viticoltori svolgono nel preservare il dinamismo economico, sociale, ambientale e culturale di molte regioni europee.”

Curbastro è stato eletto presidente di EFOW in seguito alle dimissioni di Bernard Farges

il presidente dimissionario di EFOW Bernard Farges