Filiere Federvini valgono 21,5 miliardi di fatturato e 10 di export

di redazione

Secondo lo studio Nomisma presentato a Montecitorio l’impatto economico dei comparti vini, spiriti e aceti rappresentati da Federvini genera 20,5 miliardi di valore aggiunto per il paese. 81mila i lavoratori occupati nelle filiere.

Oltre 2.300 imprese (38mila considerando anche quelle agricole di trasformazione), 21,5 miliardi di fatturato diretto, 10 miliardi di export: sono alcuni dei valori generati dai comparti vini, spiriti e aceti appartenenti alla filiera Federvini. I numeri emergono dal report realizzato per l’associazione da Nomisma e presentato dalla federazione a Montecitorio.

La fotografia evidenzia il rilievo strategico che le “filiere Federvini” giocano per il Sistema Paese sotto il profilo economico, visto che i tre settori generano sul territorio nazionale un valore aggiunto, inclusivo anche delle componenti indirette e indotte, pari a 20,5 miliardi, corrispondenti a circa l’1,5% del PIL nazionale.

Di questi, 4,9 miliardi sono riconducibili all’effetto diretto (attribuibile alle imprese dei comparti attraverso la propria attività di produzione), 9 miliardi sono imputabili all’effetto indiretto (prodotto dai diversi fornitori attivati e dalla domanda generata a loro volta dai fornitori) e 6,6 miliardi all’effetto indotto, ovvero quello generato dall’incremento di reddito percepito da tutti i soggetti coinvolti a vario titolo nel processo economico.

Altrettanto significativi i valori sotto il profilo occupazionale: a fronte di 81mila lavoratori direttamente occupati dalle imprese dei tre settori, grazie a un effetto moltiplicatore pari a 5,8, se ne attivano oltre 460mila nell’intero sistema economico nazionale che corrispondono a quasi il 2% del numero complessivo di lavoratori in Italia.

Questo studio mette in luce la dimensione straordinaria raggiunta, nel complesso, dalle filiere che rappresentiamo, le quali assumono un rilievo strategico per il sistema economico italiano con un valore aggiunto superiore ai venti miliardi di euro all’anno e un export che movimenta dieci miliardi di euro. Comparti meritevoli della massima considerazione e del più attento supporto istituzionale, costituiti da imprese impegnate ogni giorno nel valorizzare prodotti di qualità, frutto del lavoro e della dedizione di imprese sane e dinamiche – commenta Micaela Pallini, presidente di FederviniI produttori di vini, spiriti e aceti esprimono un patrimonio di cultura, di storia, di economia e di lavoro che produce benessere per le comunità locali e che, investendo in innovazione, sostenibilità e ricerca, contribuisce alla crescita del nostro paese e a far sì che lo stile di vita italiano sia così apprezzato nel mondo. Imprese che ancora oggi sono molto esposte a incertezze di natura geopolitica, normativa, commerciale, inflattiva. La difesa di questo patrimonio del Made in Italy, con la sua storia, cultura e reputazione, è una responsabilità tanto degli imprenditori, con le loro organizzazioni di rappresentanza, quanto delle istituzioni”.

Grazie alle proprie attività di produzione e agli approvvigionamenti di materie prime e servizi, spesso di provenienza local, le imprese delle ‘filiere Federvini’ rivestono un ruolo economico di primissimo piano per il nostro Paese, attivando valore in molteplici settori economici, dall’agricoltura alla logistica, passando dal commercio al dettaglio all’Horeca e al settore immobiliare. Ogni euro di valore aggiunto direttamente generato dalle imprese dei settori Vini, Spiriti e Aceti crea ben 4,2 euro nell’intera economia nazionale grazie agli impatti indiretti e indotti su altre filiere del made in Italy – dichiara Emanuele Di Faustino, responsabile industria retail e servizi di NomismaLa continuità del contributo strategico che le ‘filiere Federvini’ forniscono al Sistema Paese è però messa a dura prova dalle sfide legate all’incerto scenario macro-economico e geopolitico internazionale. Basti pensare alla recente crisi del Mar Rosso oppure all’indagine antidumping sui distillati europei da parte della Cina, aspetti che potrebbero incidere in maniera importante anche sull’export italiano, il fiore all’occhiello delle ‘filiere Federvini’.”

I settori vini, spiriti e aceti di Federvini generano sul territorio italiano un valore pari a 20,5 miliardi

i comparti vini, spiriti e aceti di Federvini generano l’1,5% del PIL nazionale

EXPORT ASSET STRATEGICO PER L’ITALIA
In termini di export, i comparti di vino, spiriti e aceti italiani ricoprono un rilievo molto importante, non solo in merito all’incidenza sulle vendite oltre frontiera del food&beverage (19%) ma soprattutto per il contributo positivo alla bilancia commerciale agroalimentare: 8,4 miliardi di saldo commerciale aggregato netto, l’apporto più alto tra i prodotti italiani del F&B.

Il nostro paese è oggi il primo esportatore mondiale a valore di vermut (34%), il secondo di vini fermi imbottigliati (22%) e liquori (14%). Nel complesso, negli ultimi dieci anni l’Italia ha conosciuto una crescita del valore sui mercati esteri di oltre il 76%.

LE IMPRESE INVESTONO IN SOSTENIBILITÀ
Oltre il 90% delle imprese dei tre comparti intervistate ha sostenuto negli ultimi tre anni investimenti, oltre che per l’acquisto di beni strumentali, anche a sostegno della sostenibilità ambientale (packaging sostenibili, riduzione dei consumi di acqua, produzione dell’energia rinnovabile) e sociale (attività culturali, selezione dei fornitori locali, iniziative umanitarie), della formazione del personale e della ricerca e sviluppo per nuovi prodotti.

Questo ruolo attivo verso la sostenibilità trova conferma nell’85% della popolazione italiana che ritiene come le imprese di vini, spiriti ed aceti contribuiscano positivamente allo sviluppo economico dei territori nei quali sono insediate oltre che al rafforzamento dell’immagine del Made in Italy all’estero. Una reputazione che, per 7 italiani su 10, deriva anche dal contributo positivo dato dai vigneti nella tutela del paesaggio italiano, nel salvaguardare le aree rurali prevenendo l’erosione dei suoli e nel favorire il turismo” sottolinea Denis Pantini, responsabile agroalimentare e wine monitor di Nomisma.

PIEMONTE E VENETO TRAINANO IL COMPARTO SPIRITS
La ricerca condotta da Nomisma ha incluso anche un approfondimento sulla dimensione e la performance delle imprese attive nel settore spiriti in due regioni storicamente vocate alla distillazione quali Piemonte e Veneto.

Molto rilevante il peso del Piemonte, le cui imprese attive nel comparto spiriti garantiscono direttamente oltre un terzo del fatturato nazionale di settore (1,7 miliardi di euro nel 2022) e il 31% della forza lavoro (1.956 occupati).

Le aziende venete hanno invece prodotto un fatturato di 450 milioni di euro (il 9% del totale nazionale) occupando 670 persone (l’11% del totale).

Oltre il 90% delle imprese dei tre comparti intervistate ha sostenuto negli ultimi tre anni investimenti anche a sostegno della sostenibilità

le imprese aderenti a Federvini investono in sostenibilità

Consigliati